La nomina

21 Ago

La notizia del nostro prossimo trasferimento ad Asmara, in Eritrea, è arrivata in una tranquilla mattina di fine luglio. Mi trovavo con la famiglia in una delle più belle spiagge della Sardegna, Cala Sassari. In realtà la giornata non era cominciata nel migliore dei modi. Mia figlia maggiore quel giorno si era svegliata accusando una forte sensazione di nausea e più volte sulla spiaggia aveva manifestato dolori allo stomaco. Mentre tentavo di capire cosa stava succedendo alla bambina, ecco il telefono squillare. Dopo aver pescato il cellulare sul fondo dello zaino lo porgo a mio marito che sonnecchia sdraiato sotto l’ombrellone e sembra non darsi pensiero di chi possa essere a cercarlo.

“MAE” ripete più volte a bassa voce cercando il mio sguardo. E io realizzo che ci siamo. Sì, ci siamo arrivati, siamo al momento voluto e atteso da circa un anno e mezzo: la nomina come insegnante da parte del Ministero Affari Esteri.

La sede, però, non ci è dato di sceglierla, perché è l’ultima rimasta. Dobbiamo solo scegliere se accettare o no l’incarico. E accettiamo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: