Tag Archives: Massawa

Ospiti da Massaua

2 Mag

Questo fine settimana con i nonni siamo stati a Massaua. Siamo partiti il venerdì, abbiamo pernottato all’hotel Seghen (che in tigrino significa “struzzo”) e abbiamo fatto grandi abbuffate di pesce al Luna e al Beach. Ogni mattina prendevamo il motoscafo per andare all’Isola Verde.

Su questa spiaggia è stato molto interessante fare la conoscenza con due signori che stavano concludendo il giro del mondo in barca a vela. Erano partiti da Venezia due anni fa e il loro viaggio terminerà all’incirca tra due mesi. Ci hanno raccontato di come hanno evitato gli assalti dei pirati somali e di tanti altri pericoli incontrati. Uno di loro, tra l’altro, è nato ad Asmara ed era elettrizzato al pensiero di rivedere la sua città il giorno successivo. Sulla spiaggia ha anche incontrato un amico d’infanzia, nonché compagno di scuola.

Tornando ad Asmara non abbiamo potuto evitare di portarci dietro degli ospiti, non i due signori veneziani che ci avrebbe fatto anche piacere ospitare, ma 25 e sottolineo 25 paguri in bottiglia con relativi coralli e sabbia. Arrivati a casa li abbiamo sistemati in una cassetta e ora li cureremo e li terremo in osservazione finché non li riporteremo sulla loro spiaggia.

Cosa tocca fare per i figli!

Annunci

Alle isole Dahlak

12 Ott

Lo scorso week-end, per la prima volta da quando ci troviamo in Eritrea, siamo andati alle isole Dahlak. Si tratta di un arcipelago di 209 isole nel Mar Rosso, prive di vegetazione e di insediamenti umani. Non ci sono resort attrezzati, divertimenti o strutture turistiche cui siamo abituati nelle nostre vacanze in luoghi esotici, ma solo sabbia, cielo e mare. Per gli amanti della natura e dello snorkelling queste isolette sperdute in mezzo al Mar Rosso e circondate da barriere coralline incontaminate sono un vero paradiso. Queste acque sono popolate da cernie giganti, delfini, mante, razze, tartarughe ed è possibile perfino avvistare il dugongo, mammifero ormai in via di estinzione.
La nostra gita è comincita il venerdì, quando siamo scesi a Massawa in compagnia di una decina di amici distribuiti su tre fuoristrada stracarichi.

La preparazione del nostro fuoristrada

La preparazione del nostro fuoristrada


La sera, dopo aver cenato a base di pesce al ristorante Luna, abbiamo pernottato all’hotel Central per poi il giorno dopo essere già al porto di prima mattina. Qui abbiamo noleggiato un’imbarcazione e via, verso l’isola di Dahret.
Sull'imbarcazione

Sull'imbarcazione


I bambini

I bambini


Che meraviglia quando è apparsa ai nostri occhi, sperduta in mezzo al mare, quella bianchissima lingua di terra!
L'isola di Dahret

L'isola di Dahret


La barriera corallina

La barriera corallina


I coralli

I coralli


Dopo esserci fatti largo tra i coralli, finalmente siamo approdati e abbiamo cominciato la preparazione dell’accampamento: tre tende da notte e due da giorno.
La nostra tenda

La nostra tenda


Le tende da giorno

Le tende da giorno


Inutile dire la quantità di pizze, focacce, polpette, polpettoni, insalate di riso e di pasta che riempiva i nostri frigoriferi, i litri di acqua e, sì, le bottiglie di birra e vino bianco che avrebbero accompagnato le grigliate di pesce pescato durante il soggiorno…
A Dahret siamo rimasti due giorni, trascorrendo una notte in tenda sotto uno splendido cielo stellato: un’esperienza indimenticabile!
Abbiamo passeggiato lungamente sull’isola osservando gli uccelli e le innumerevoli conchiglie, nuotato, fatto snorkelling, pescato.
Passeggiando sull'isola

Passeggiando sull'isola


Le conchiglie

Le conchiglie


Tra i pesci avvistati una manta gigante e tantissime razze.

Una razza

Una razza


Una razza

Una razza

All’Isola Verde

31 Mar

A Massawa è ormai terminata la stagione delle piogge, pertanto abbiamo deciso di trascorrervi questo fine settimana, visitando due località: Sheik Said, l’Isola Verde, e una spiaggia a nord di Gurgussum. La prima dista un chilometro e mezzo dalla città di Massawa ed è chiamata Isola Verde perché è ricoperta da una bassa vegetazione, tra cui spiccano le mangrovie. Sull’isola ci sono i resti di una piccola moschea risalente al 1500.

 

Massaua - Isola Verde

Massaua - Isola Verde

Il luogo è spettacolare anche per l’avifauna che lo popola.

Avifauna

Avifauna

 

Ibis

Ibis

 

Airone africano

Airone africano

Andando verso Nord, tramite una pista sterrata che conduce fino al Sudan, il giorno successivo abbiamo raggiunto una lunghissima spiaggia lungo la quale si trovano gli accampamenti dei Rashaida, una popolazione nomade di origine araba e quindi di religione musulmana.

Lungo il percorso abbiamo fotografato fenicotteri rosa e pellicani.

Fenicotteri rosa

Fenicotteri rosa

Pellicano

Pellicano

Lì la sabbia è finissima e il mare piuttosto agitato. Incredibile la quantità di conchiglie e di ossi di seppia che si trova su questa spiaggia!

La nostra auto nel deserto sopra la spiaggia

La nostra auto nel deserto sopra la spiaggia

Il ritorno ad Asmara è stato un altro piacevole momento della nostra gita grazie ai numerosi babbuini che scendendo dalle montagne venivano a salutarci lungo la strada.

Il capobranco fa attraversare la strada

Il capobranco fa attraversare la strada

 

Babbuini

Babbuini

A Massawa

7 Nov
Gurgussum

Gurgussum

Avevamo pensato a una tranquilla settimana di vacanze qui ad Asmara. Magari una colazione al bar, o forse una serata in pizzeria, oppure qualche passeggiata in centro… invece in questi giorni ci siamo spostati parecchio, macinando centinaia di chilometri. Prima a Keren, poi a Massawa, sul Mar Rosso. Il soggiorno balneare è avvenuto mercoledì e giovedì sempre in compagnia di amici, due dei quali trovavandosi già là, a Gurgussum, ci hanno prenotato un bungalow direttamente sul mare. Le bimbe erano al colmo della felicità: hanno corso sulla spiaggia, nuotato e camminato nell’acqua bassissima per oltre cento metri dalla riva. Naturalmente abbiamo anche approfittato dell’occasione per visitare Massawa, che ai miei occhi si è rivelata una città ricca di storia e di fascino. La città è formata da una parte continentale – Massawa – e da due isole – Massawa e Taulud. Proprio a Taulud, che è collegata alla terraferma da una lunga strada sopraelevata, ci siamo recati per i pasti: abbuffate di pesce a volontà, e precisamente cernie, gamberoni fritti e grigliati a pranzo e cena.

Avifauna sulle rive del Mar Rosso

Avifauna sulle rive del Mar Rosso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: